Il raffreddore: cos’è, come prevenirlo e come combatterlo

“Ricordando alle persone (ed insegnando ai bambini) che è buona norma mettersi la mano davanti alla bocca quando si tossisce e coprirsi il naso con il fazzoletto quando si starnutisce. Spesso però i bambini non hanno con sé il fazzoletto: i genitori dovrebbero fare in modo che i loro figli ne siano sempre provvisti, specie nei mesi invernali o quando hanno il raffreddore. Si deve abituare il bambino al semplice gesto di usare il fazzoletto, ancor meglio se di carta, in modo da poterlo gettare dopo l’utilizzo. Le persone che sono abituate fin da piccoli a servirsene, lo useranno sempre, anche in età adolescenziale e adulta, anche perché viene acquisita come una norma di buona educazione. Stesso discorso vale per il lavaggio frequente delle mani: un’abitudine che tutela il soggetto raffreddato (dall’acquisire altri virus in un momento di transitoria debilitazione) e le altre persone.”

 

In effetti se guardate gli uomini di una certa età spesso noterete il fazzoletto sempre in tasca e pronto ad entrare in scena con uno starnuto. Una regola di buona educazione che dovrebbe davvero essere insegnata naturalmente ai propri figli, ma che spesso viene dimenticata.

Per quanto riguarda poi cosa fare quando il bambino prende il raffreddore la risposta della professoressa Luisa Galli è molto semplice:

“I rimedi della nonna possono dare sollievo, però il raffreddore deve fare il suo corso. Si deve accettare che ogni volta che c’è un’infezione respiratoria, si verifica un danno all’epitelio del naso e in generale delle vie respiratorie e che questo epitelio deve ricostituirsi, pertanto bisogna avere pazienza per qualche giorno. Se non si hanno fattori di rischio o altre patologie, una moderata attività fisica può essere esercitata.”

E quest’ultima frase mi trova particolarmente d’accordo dato che spesso vedo bimbi raffreddati trattati come se fossero moribondi. Il raffreddore (a meno di eventuali patologie) è fisiologico, per cui impariamo ad accettare che ci faccia compagnia in inverno. Secondo me, passerà anche prima 🙂

Facciamo un sondaggio? Quanti dei vostri bimbi in questo momento sono raffreddati?

raffreddore

Sere-mammadalprimosguardo

4 commenti su “Il raffreddore: cos’è, come prevenirlo e come combatterlo

  1. Non è che intanto puoi farti dire che il “prendere freddo” non è responsabile del raffreddore.. certe volte divento di gomma quando mi dicono che ho i figli vestiti poco 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *