Sono brava. Ma non è solo merito mio.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Partiamo dal presupposto che quello che faccio io, e cioè occuparmi da sola di Lavinia durante la settimana, quando Giacomo è a Firenze, potenzialmente possono farlo tutte le donne. Lo faceva mia mamma quando ero piccola perché separata, lo fanno le amiche che non stanno più con i papà dei loro bimbi, lo fa la mia amica ragazza madre, lo fanno le mie amiche che hanno mariti iper lavoratori. Qualsiasi donna, volendo, lo può fare. Certo un aiuto è fondamentale per potersi ritagliare anche altri spazi, e nel mio caso se con Lavinia non ci sono io c’è la santa nonna e/o il santo asilo.

Quindi alla fine da sola mi occupo di lei solo dalle 18 in poi, tutto facilmente gestibile.

Per questo già in partenza la domanda “ma come fai?” ha poco senso. Sono una mamma, posso fare tutto.

Poi certo io ci aggiungo viaggi mensili verso Firenze prendendo due treni per andare e due per tornare, da quando Lavinia aveva 36 giorni, con tanto di passeggino, borsone e tutto il necéssaire. Ed è vero, è faticoso salire e scendere dal treno con armi e bagagli, tenere sottocchio Lavinia e il portafoglio, cambiare stazione quando la coincidenza lo richiede prendendo se capita anche la metro. Certo sono brava (e me lo dico da sola, perché anche se sono convinta che tutte le mamme potrebbero fare quello che faccio io, conosco anche tante donne che senza il marito non fanno nemmeno la spesa…); ma anche in questo caso, potenzialmente, tutte potremmo farlo. Basterebbe volerlo e doverlo fare. E poi per quanto io possa essere indipendente, c’è anche da dire un’altra cosa: Lavinia è altrettanto brava.

Certo l’abbiamo abituata. Certo l’abbiamo educata al viaggio. Ma proprio grazie all’imprinting che ha avuto fin da quando aveva un mese, ora quando siamo in treno spesso non la sento nemmeno. Si guarda un cartone e il viaggio fila liscio.

IMG_5443

Per questo quello che posso dirvi è che nonostante spesso ci si preoccupi troppo per i bambini, ci si faccia problemi dove non ci sono, i bambini se portati in giro crescono. Imparano a relazionarsi, a viaggiare, ad essere curiosi. I bambini stimolati vi seguiranno ovunque senza fare troppe storie e ne trarranno solo beneficio. Nonostante tutte le leggende metropolitane. Nonostante tutte le chiacchiere. Perché la gente parla, si sa.

Quindi se potete, anzi se volete, portate fuori i bambini. Portateli con voi. Senza pensare ” lo lascio a casa perché si stanca”, senza nascondersi dietro ad un” io con il mio non potrei mai farebbe troppo casino…”.

Sono tutte scuse. Sono le nostre ansie a parlare. Non c’è bambino, di madre non ansiosa, che non possa stare ovunque. Ma finché non cominciate non lo saprete. E non gli aprirete le porte sul mondo.

Perché noi donne siamo brave. Ma i nostri bambini ancora di più.

IMG_5436

Sere-mamma-dal-primo-sguardo

4 commenti su “Sono brava. Ma non è solo merito mio.

  1. Quoto e condivido tutto!!!riguardo al portarli ovunque sai che noi stiamo facendo di questa filosofia la base dell educazione di Bea come cittadina del mondo…a volte la gente quando sa che abbiamo preso 9 aerei in 15 gg o che le “abbiamo fatto fare” 14 ore di volo diurno a 20 mesi , ci guarda attonita e commenta “povera bimba” e non “che bimba fortunata”…poi che dire..io faccio parte della schiera iper lavoratrice con marito ancora più iper lavoratore senza orari e senza week end..abbiamo una super nonna ma che comunque mi “costa” 50 km giornalieri tra portarla e tornare a lavorare e poi di nuovo a casa..ma si fa..con organizzazione e spirito giusto si fa tutto..e come hai detto tu una buona parte del merito è loro..dei bimbi..che comunque sere..diciamocelo a gran voce..le abbiamo abituate noi così ehhh???????????????!!!!!e quindi brave a noi!!!!un abbraccio

  2. Condivido a pieno….anche io da piccola sono stata sempre abituata a viaggiare e per lo più sul treno, avendo avuto poi un padre ferroviere se ci si spostava, ovviamente con il treno,……. farò altrettanto con i miei bimbi perché viaggiare arricchisce e fa crescere…..basta abituarli non è impossibile è fattibile basta farlo…

    1. Esatto. Nessuno dice che sia una passeggiata, ma ci si può provare… grazie per essere passata Francy! bacione

Che ne pensi?