Provato per voi. (Da non rifare a casa)

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Ieri in ufficio è stata una giornata infernale. Una di quelle giornate (poche per fortuna) in cui se una cosa deve andare storta ci andrà e tirerà dietro tutte le altre che sembravano dritte. Ecco.

Sono arrivata a casa e non mi ricordavo nemmeno il mio nome. Mi sono buttata sul divano e mentre Lavinia, tra un disegno e l’altro, mi raccontava dell’asilo ho acceso la tv e sono capitata in mezzo ad un interessantissimo siparietto tra la Cascella e la Canessa. (Per chi non sapesse chi sono…la prima proviene da Uomini&Donne, la seconda dal Grande Fratello.)

In diretta ospiti dalla D’Urso, le due si scambiano consigli di bellezza, mentre si giurano amore eterno: sembra che siamo sposate. Dicono. Infatti insieme vanno pure dal chirurgo e si tengono per mano per sopportare il dolore. Un po’ quello che in sala parto Giacomo faceva con me, in effetti.

images

Raccontano di fiale di vitamine iniettate per migliorare l’aspetto della pelle, perché solo mangiare sano e mettere le cremine NON BASTA (con tanto di autoscatti pre e post trattamento che già mi deprimono perché mi chiedo come sia possibile che certe donne riescano a farsi foto struccate e avere sempre un aspetto PERFETTO, mentre se lo faccio io sembro una zombie…) fino ad arrivare alla classica ricetta della nonna, una maschera illuminante. Ricetta che per altro è stata anche messa in evidenza da Donna Moderna. Come dire: sembra che funzioni.

Così, dopo essermi guardata allo specchio:

20131204-220505.jpg20131204-220643.jpg

e aver pensato che, in effetti, il mio colorito più che spento era proprio grigio, decido di provare.

Un cucchiaio di farina
Un cucchiaio di miele
Un cucchiaio di latte

mascheramaschera2

Tutto facilmente reperibile.

Metto insieme, spalmo (e contenendo il miele il termine spalmare si addice perfettamente) e lascio in posa 15 minuti.

15 minuti di inferno.
Lavinia che mi insegue perché ha capito che ho addosso qualcosa di goloso (e se ci fosse stata Margot sarebbe finita anche peggio), i capelli che nonostante il ciuccio e le mollette si ribellano e tentano di affondare nel pappone (che sia in realtà un’ottima maschera per capelli?), il naso che mi prude (o qualcuno sparlava di me o arrivano soldi!!!) e non posso grattare ma ad un certo punto non ce la faccio più e così pure le mie mani diventano collose. (Oltre al naso evidentemente)

20131204-215901.jpg

Un incubo.

15 minuti dopo corro in bagno e mi libero della pappetta sciacquando con acqua tiepida.
Mi guardo.
Miracolo: la mia pelle non è più grigia/spenta ma ha un colorito luminosissimo.
Non trovate???:-))))))

20131204-220513.jpg20131204-220635.jpg

Voto alla ricetta della nonna (che poi non ho capito la nonna di chi delle due fosse): 3

Se l’avessi spalmata su una fetta biscottata sicuramente mi avrebbe dato più soddisfazioni. E mi avrebbe riempito pure il buco allo stomaco. Invece mi ha lasciato la pelle talmente secca che poi ho dovuto applicare un kg di crema idratante.

In effetti però adesso che ci penso la maschera era illuminante non idratante. E forse se la mia giornata in ufficio fosse stata perfetta, anche l’esito dell’esperimento sarebbe stato diverso, e le due fanciulle avrebbero così avuto ragione…Che faccio, riprovo stasera?:-)

Sere-mamma-dal-primo-sguardo

Ps: tengo a precisare che io sono assolutamente struccata in queste foto da bimbaminkia (che tra parentesi era una vita che sognavo di fare). Lo so che non si direbbe data la perfezione della mia pelle…ma è davvero incredibilmente così… #bellacomemammamihafatta :-)))

Che ne pensi?