Le reazioni che non ti aspetti…

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Si sa una delle parti più divertenti della gravidanza è dire a chi ti circonda che sei incinta. Quando ovviamente decidi che è il caso di dirlo…:-) Le reazioni però, spesso spiazzano. Quando sono rimasta incinta di Lavinia, in molti, praticamente tutti quelli che mi conoscono superficialmente, hanno pensato che “fosse capitato”. Io e Giacomo stavamo insieme da sei mesi, “sarà sicuramente rimasta incinta….”. Chi invece mi era più vicino, le mie amiche, sapevano che lo stavamo cercando. Per cui nel momento in cui abbiamo confessato, alla fine del terzo trimestre (per ragioni scaramantiche ovviamente) non erano state per niente sorprese. Se l’aspettavano.

Anche questa volta abbiamo fatto passare il primo trimestre prima di iniziare a dirlo. In realtà abbiamo deciso di aspettare che passassero i 4 mesi, perché volevamo anche fare tutti gli esami del caso per vedere che non ci fossero problemi, ma a qualcuno, in quel mese di intermezzo, l’abbiamo detto. E le reazioni sono state spesso sorprendenti.

6.1.15

La mia migliore amica è rimasta a bocca aperta. Se con Lavinia nonostante stessi con Giacomo da 6 mesi, come detto se l’aspettava, stavolta è caduta dal pero. In effetti non avevamo mai parlato di un mio possibile bis, e con la vita che faccio proprio non immaginava potessi volerne un altro. Poi c’era il lavoro, la casa, insomma, era l’ultimo dei suoi pensieri. Bocca aperta e faccia  a punto di domanda.:-D

Poi c’è quella amica conosciuta in rete che non mi ha nemmeno fatto finire l’sms che già mi stava chiamando. Felice, urlante, interessata. Quando si dice che le amicizie di rete non sono vere….quante cazzate…esattamente come l’altra mia amica storica del web, la prima tra le mamme settembrine 2011 a conoscermi per davvero e ad offrimi vitto e alloggio presso casa sua, a Bologna, quando Margot stava male e lei mi conosceva virtualmente da pochi mesi. Hanno gioito con me per questo bis come se ad aspettare il secondo fossero loro. E non io.

Poi ci sono le colleghe, le amiche con cui passi otto ore al giorno e che ti conoscono e ti osservano. E che così come nel 2011, anche questa volta mi hanno abbracciata e si sono commosse. Visibilmente felici per me. Con le lacrime agli occhi. Nonostante la situazione particolare al lavoro, nonostante questo comporterà/ avrebbe potuto comportare/ potrebbe comportare una separazione. Amiche, prima che colleghe. Vere amiche.

E poi c’è lei, l’amica a cui non sapevi come dirlo, quell’amica a cui vuoi bene da tanti anni, la stessa che da anni cerca quel bimbo che non arriva. La persona a cui hai fatto più fatica a dirlo, perché non volevi ferirla. La prima a cui avresti voluto dirlo, l’ultima invece tra le tue persone del cuore a cui l’hai detto, per paura. L’unica da cui ti saresti aspettata una reazione negativa, reazione che avresti capito, accettato. Gliel’avresti perdonata. E invece ti sorprende e ti sorride. E ti abbraccia, nonostante io abbia sentito la morsa nel suo cuore. Ma ho anche capito che il bene che ci lega è reale, a differenza di molti altri finti rapporti.

Come quello di quell’amica che credevi invece avrebbe gioito per te per tanti motivi e che invece si è limitata a farti un interrogatorio su cosa farai, dove vivrete, quando deciderete, ma dalla quale più di tre mesi dopo averglielo detto stai ancora aspettando le congratulazioni.

Mah.

Vedremo quando nascerà la creatura, se riuscirà ad essere felice per me…;-D

Sere-mamma-dal-primo-sguardo

Se vi state chiedendo come ho comunicato la notizia al mondo…posso dirvi che al giro di boa delle 20 settimane, ho postato la foto del mio pancino sul web e abbiamo così dato l’annuncio a tutti (anche se oramai era diventato talmente divertente mantenere il segreto che puntavo al selfie effetto sorpresa dalla sala parto! :-D).

3-418Anche in questo caso il calore del mio mondo virtuale non ha avuto eguali. Per questo non smetterò mai di ringraziare la rete. Che regala sempre emozioni grandi, a distanza di kilometri. Affetti reali, nonostante la distanza. Un mondo bellissimo. Quasi più bello del reale.

Presentazione standard1

7 commenti su “Le reazioni che non ti aspetti…

  1. Grazie per averlo condiviso prima della sala parto e soprattutto prima del giro di boa!!
    L’affetto/amore supera le distanze …

  2. Zie di pezza lontane che già adorano il vostro secondo “PIL Grilli” (#prodottointernolordo #grilli). Onorata di averlo saputo! Vi voglio bene.

  3. sono questi i momenti in cui capisci davvero chi hai vicino…per quanto mi riguarda ho avuto molta solidarietà e vicinanza sopratutto da persone conosciute relativamente da poco tempo, ma che si sono dimostrate splendide!
    non posso dire lo stesso della mia migliore amica (amicizia trentennale…) che non solo si è a malapena congratulata con me per il lieto evento ma oltre a non essere mai venuta a trovarmi (abitiamo a 300 km di distanza, non in un altro stato) quando sono tornata io con la famiglia nella sua città ha pensato bene di partire proprio lo stesso giorno del mio arrivo, accusandomi poi al suo ritorno che avevo dato degli “orari” per vedere mio figlio (eh si perché ho “osato” fare qualche giretto con mio figlio e mio marito mentre ero in vacanza…), e per questo non si è più fatta sentire per quasi 8 mesi…e pensa che sono stata io a ricontattarla…
    scusa lo sfogo, ma è per far capire quanto veramente non contino gli anni che conosci una persona ma la persona in se!
    per fortuna come dicevo, tanta gente che magari conoscevo da poco e superficialmente si è dimostrata fantastica e mi ha piacevolmente colpito! 🙂

    1. Io credo che purtroppo certi rapporti siano inevitabilmente destinati a modificarsi. Soprattutto quando si fanno scelte di vita differenti. Purtroppo il non poter condividere più certe esperienza insieme, magari come in passato, allontana le persone…Mi spiace per la tua “delusione” ma sono sicura che dove hai perso, hai comunque anche guadagnato. I rapporti nuovi che ti hanno portato affetto inaspettato, sono stati senz’altro una ventata di positività, vero?

      1. assolutamente si, e mi ha permesso di rafforzare rapporti che prima erano solo superficiali! 🙂

Che ne pensi?