Basta un poco di zucchero…

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Eccomi. Chiedo scusa per l’assenza ma sono stata travolta dal primo malanno di stagione. Buona parte dei miei problemi arriva dal fatto che ho compiuto 35 anni e si sono sentiti da subito. Il giorno prima stavo bene, il giorno dopo ero improvvisamente stanca affaticata e invecchiata. E potete dire quello che volete, ma li ho accusati tutti. Tolti però i miei complessi di vecchiaia, si è aggiunta anche Lavinia che ha peggiorato la già difficile situazione. Lunedì 26 ha ricominciato il nido. Venerdì 30 (giorno in cui sono passata da 34 a 35 anni) ha portato a casa un bel raffreddore che due giorni dopo stendeva me e Giacomo.

20130908-103206.jpg

La cosa preoccupante è che a due anni ti cola il naso, respiri male (soprattutto se la notte hai un ciuccio in bocca) ma per il resto sei in splendida forma. A 35 sei uno straccio. Mi sono imbottita di Tachipirina per 4 giorni. Ripromettendomi però di fare qualcosa. Perché Lavinia lo scorso anno si è ammalata la prima volta la prima settimana di nido e tra alti e bassi si è portata avanti la tosse fino a Giugno. Condividendo i suoi germi con noi ogni volta. Un altro inverno così non posso reggerlo. Quindi ho pensato di andare in farmacia per una cura ricostituente.

Sono tornata a casa con delle boccette che si chiamano Oscillococcinum.

20130908-100127.jpg

 

Si tratta di un prodotto omeopatico derivato da fegato e cuore di anatra, presentato come rimedio per i sintomi dell’influenza. In caso di influenza, se ne possono prendere due/tre dosi per tre giorni. Altrimenti lo si usa come cura preventiva. Nei mesi di picco dell’influenza, se ne può prendere una dose a settimana, per quante settimane si vuole. Sono piccoli granuli da mettere sotto la lingua, in pochi secondi si sciolgono e dovrebbero servire a non ammalarsi più. Ho scoperto che moltissime persone ne fanno uso, preferendo questi granuli ai vaccini proposti. Inoltre il farmacista (che ne fa uso personalmente e che da anni non si ammala più…) mi ha consigliato di darlo anche a Lavinia, perché essendo omeopatico non contiene comunque sostanze che potrebbero nuocerle.

20130908-100100.jpg

Sono sempre stata scettica sull’omeopatia. Tant’è che quando ho detto a Giacomo che l’avevo preso mi sono sentita dire che sono anni che mi ripete che lui e sua mamma lo usano. Oh cacchio, ho pensato, è quell’intruglio inutile che avevo sempre denigrato sostenendo, senza provarlo, che non servisse a niente. Perché ripeto, io e l’omeopatia non siamo mai state amiche. Soprattutto perché prima di Lavinia non mi ammalavo mai, le rare volte in cui stavo male, stavo male davvero e andavo di paracetamolo. Adesso però non volendomi imbottire di medicine per un’intera stagione mi sono ritrovata a comprare l’intruglio. Va beh, un’altra cosa da aggiungere alla lista” io non farò mai”, smentita poi dalla maternità.

Lunedì ho assunto la prima dose decidendo di perderne una a settimana, condividendola con Lavinia. Questi granuli si sono sciolti in pochi secondi in bocca. Per Lavinia potevo o darglieli nello stesso modo o scioglierglieli in un cucchiaino d’acqua. Le ho detto che erano caramelle e l’ho convinta. Mi sono chiesta però per quale motivo non avesse opposto resistenza. Margot non si sarebbe fatta fregare…perché Lavinia sì? Così sono andata a cercare le opinioni e l’effettiva funzionalità del prodotto e ho scoperto che l’Oscillum, il cui nome è curiosamente preso da un batterio, altro non sarebbe che zucchero. A tal proposito vi linko un interessante articolo di un medico che rivela come, comprare questo prodotto, significhi solo alleggerire il portafoglio pagando lo zucchero come se fosse oro. Eh sì perché 30 dosi le ho pagate poco più di 30 euro. Dosi che a detta di questo medico non servono assolutamente a niente. D’altra parte invece ci sono più e più persone che credono fermamente nell’omeopatia e che avrebbero da controbattere a questo articolo, portando la loro personale e positiva esperienza .

Io mi tengo il dubbio. Ho 28 dosi da fare fuori. Le prenderò tutte, tanto non credo che anche se si trattasse di zucchero potrebbero farmi male (dieta a parte) e poi vedremo, se passerò un inverno migliore dello scorso o se sarò ugualmente malata e con un kg in più. Ve lo saprò dire….

E voi?Che rimedi conoscete? Siete già ingrassate?:-)

Sere-mamma-dal-primo-sguardo

2 commenti su “Basta un poco di zucchero…

  1. L’ho provato x 2 anni e dato anche alla Zoe….mi dispiace deluderti ma i tentativi sono stati vani….
    Comunque secondo me il fatto che sia il 2 anno di nido vedrai che andrà meglio!
    Oramai si è “contaminata” già con tanti batteri che conosce!!!!
    Io a Zoe ho dato IMMUNO MIX dell’Aboca…
    Ma con il 1 anno di materna un disastro!!!!
    In bocca al lupo!!

Che ne pensi?