Visitare a tappe la Puglia con i bambini

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Sapete già che ogni estate andiamo dieci giorni a Formentera perché per me è il posto più bello del mondo.

I mesi migliori per vivere la Isla bonita secondo me sono giugno e settembre, quindi ogni agosto abbiamo il problema di dove andare in vacanza, escludendo a priori Formentera perché è talmente caotica che se ne perde il vero spirito selvaggio che invece possiamo goderci al 100% a giugno. Chi però non ha la possibilità di andarci a giugno vada pure ad Agosto. È il posto più bello del mondo, l’ho già detto?:-)

La scorsa estate abbiamo fatto una settimana al club Med di Ragusa, in Sicilia. Deludente.

Quest’anno volevamo poter fare due settimane di mare, perché una settimana, nonostante i dieci giorni di giugno non sono sufficienti a recuperare energie…arrivi ed è già ora di tornare a casa….ma con i prezzi che ci sono i villaggio ad agosto era impensabile. Così abbiamo pensato di fare sì due settimane fuori casa, ma scegliendo un posto di mare in Italia raggiungibile in macchina magari attraverso delle tappe che ci permettessero di scoprire qualcosa di nuovo.

E quale meta migliore della Puglia.

Puglia troppo lontana per pensare di raggiungerla senza fare tappe, soprattutto con una trienne; Puglia con tantissimi posti da visitare.

image

Considerando che saremmo partiti da Borgomanero e che il villaggio finale era a Otranto quindi molto, molto a sud, mi sono messa al pc e ho studiato un itinerario ad hoc che non stancasse troppo noi, ma soprattutto la creatura.

Perché si sa, una treenne nervosa in macchina può essere molto ma molto fastidiosa.

Stabilendo di non superare i 450 km al giorno le tappe scelte sono state queste:

1- Riccione dove siamo arrivati per il sabato sera in perfetto spirito da ragazzini..:-) 420 km fatti però in sole in sei ore perché ovviamente partendo di sabato abbiamo trovato il mondo. Partenza intelligente. Bollino incandescente..:-)

IMG_2759

2- Vieste, sul Gargano, dopo altri 400 km. Un promontorio suggestivo con un imperdibile il tramonto.

IMG_2760

3- Alberobello alla scoperta dei favolosi trulli (patrimonio dell’Unesco), passando per San Giovanni Rotondo, perché una preghiera in più non fa mai male.

IMG_2774

IMG_2761

4- lo Zoo Safari a Fasano per una mattinata tra gli animali, sulla strada per Gallipoli dove abbiamo pranzato in riva al mare (e che mangiata, ancora mi sogno il panino fatto con la pasta della pizza e ripieno di prosciutto formaggio e patatine fritte…#nonvelodiconeanchequantobuonofosse), proseguendo poi verso la punta più a sud della Puglia, Santa Maria di Leuca, dove si dice si incrontrino i due mari, ma poi altri dicono che invece questo accada a Punta Palascia, punto più a Est d’Italia, sulla litoranea verso Otranto, ovviamente fatta e assolutamente pazzesca.

image

IMG_2765

IMG_2777

Sette giorni di “riposo” all’Eden village di Alimini, vicino a Otranto, Otranto talmente vicino da poterla visitare in un paio di occasioni e abbastanza vicina a Lecce da poterci passare una piacevole serata.

Sulla strada del rientro un bagnetto a Porto Cesareo perché non potevamo non vedere il mare cristallino della Puglia, che mi dicevano spesso essere simile a quello di Forme, serata a Pescara, che è stata una rivelazione, almeno per quel che riguarda il mare, due giorni tra Civitanova Marche e Macerata, nelle Marche, festeggiando il ferragosto a Porto San Giorgio con amici e infine rientro a Firenze.

IMG_2768

image

Sono state due settimane incredibili. La Puglia è incredibile.

Se devo essere onesta ho amato più le tappe rispetto al soggiorno, in primis perché quel villaggio aveva delle pecche, ma poi soprattutto perché c’è davvero tantissimo da vedere in Puglia e due settimane non sono comunque state sufficienti per vedere tutto, nonostante il nostro bellissimo giro.

La treenne si è comportata egregiamente. Noi cercavamo di spostarci per le tappe in orari in cui lei facilmente si sarebbe addormentata ma anche quando non ha dormito è stata bravissima in compagnia di Santo IPad, Sirenetta con i capelli rossi, Re Leone e il suo papà, e Mascia e Orso a ripetizione.

Nel viaggio di rientro ci ha accompagnato anche il cd con tutte le canzoni della baby dance del villaggio. Da urlo… 🙂

Unico inconveniente: la tosse.

Come sapete qualche giorno prima di partire Lavinia aveva avuto un giorno di febbre. Poi è arrivata la tosse. Dopo una settimana di tappe, con aria condizionata annessa, appena arrivati a Otranto per sicurezza siamo andati in guardia medica per far auscultare Lavinia, giusto per capire se il catarro fosse buono o meno. Il dottore ha detto che i bronchi erano puliti ma ci prescriveva comunque l’antibiotico.

IMG_2775

Tolta la tosse che comunque ha giocato un ruolo dominante nel già poco relax di queste due settimane, la vacanza è stata super.

Stra consiglio le tappe anche con i bambini.

 

Sere-mamma-dal-primo-sguardo, ora finalmente in relax a Firenze.

4 commenti su “Visitare a tappe la Puglia con i bambini

  1. Andiamo in Puglia almemo una volta l’anno di solito ad agosto perché ci vogliono tre settimane per godersela appieno,é un posto davvero incredibile,e anche noi la facciamo a tappe partendo da Firenze,passiamo da Roma e poi unica tappa,con sosta a Lecce per il solito giro arrivando poi giù a torre suda!!!
    Un baciooooooo e buon rientro!!!!!!!

  2. L’estate prossima partiamo con la Sere-mamma-dal-primo-sguardo-tour-operator… Bellissima l’idea delle tappe!!! Brava mamma Sere! Bacio p.s. Bellissimo il racconto e le foto…viene voglia di partire subito!

Che ne pensi?