Grazie papà. E grazie Philips.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Nel gioco delle somiglianze, fin da piccola, tutti mi hanno sempre detto che somiglio tantissimo a mio papà.

Se parliamo di carattere temo proprio abbiano ragione anche perché mia mamma è l’esatto opposto e io da qualcuno questo simpatico è facile carattere devo pur averlo preso. (Mamma non ti credere, non sei semplice nemmeno tu!)

Fisicamente, in effetti, ci sono dei dettagli che mi fanno sentire proprio sua figlia (anche se io tutta questa somiglianza non la vedo) e se per alcune cose lo devo ringraziare, vedi altezza, per altre…
Per esempio, la palpebra cascante, che ho all’occhio destro e che ho sempre avuto quindi l’età non c’entra, ma è proprio un difetto di fabbrica, era assolutamente necessario passarmela? 

Come detto il caratteraccio è tutto suo, il suo essere nevrotico e sempre di corsa, il rispondere, il litigare, l’innervosirsi e la poca, anzi inesistente, pazienza. Tutto marchio di famiglia (paterna).

Poi ho un neo in rilievo tra illice e trillice del piede destro. Stessa forma, stesso punto. Quasi incredibile. Ma non mi dà fastidio, e poi non si vede, quindi posso anche perdonarlo..
Per alcune cose poi però devo dire che l’assomigliargli mi va solo bene. Per esempio, il suo avere pochi, pochissimi peli. Lui è uno di quegli uomini che credi essere schiavi dell’estetista e della ceretta. Invece è tutta fortuna. Non ne ha e quelli che ha sono radi.

Io non sono mai stata pelosa, per fortuna ne ho pochi e quelli che ho sono chiari, tranne ovviamente quelli che sono ricresciuti dopo averli eliminati. Ma sono fortunata, diciamolo.

Non avendone molti non sono mai stati per me un problema. Però odio il dolore e nonostante io abbia dieci tatuaggi non riesco a resistere alla ceretta. Tanto più che avendo alcuni problemi di capillari e vene ho sempre preferito andare di rasoio. So che non è il massimo, ma per facilità e sicurezza ho sempre trovato comodo depilarmi sotto la doccia piuttosto che andare a urlare in un centro estetico. E anche più educato.

Da qualche settimana però ho la fortuna di avere per le mani un nuovo sistema di epilazione a luce pulsata: il Lumea Essential di Philips. E credo che potrei svoltare. 

Si tratta di un sistema innovativo per la semplice rimozione a lunga durata dei peli superflui; è ideale per prevenire la ricrescita dei peli su viso e corpo attraverso l’applicazione regolare di delicati impulsi di luce che consentono di mantenere una pelle liscia come seta tutti i giorni.
Lo possono usare tutte le donne che abbiano peli da mediamente chiari a scuri. No peli bianchi, rossi o biondi. No pelle scura. No in gravidanza e allattamento ma per il resto via libera. A partire dai 15 anni (sotto sorveglianza di un adulto) via libera alle altre donne. E perché no anche ai maschietti.


ll funzionamento di Philips Lumea è basato sull’innovativa tecnologia IPL (Intense Pulsed Light), che deriva da quella utilizzata nei centri estetici. Normalmente sono abbastanza restia a comprare oggetti che promettono risultati professionali anche se usati all’interno delle proprie mura domestiche, perché io sono una di quelle persone convinte che ognuno debba fare il proprio lavoro; quindi se un’estetista qualificata ha studiato per fare una determinata azione, saprà senza dubbio come aiutarmi e come farlo al meglio, rispetto a un semplice oggetto miracoloso. Per quanto potente possa essere.

Però questo innovativo sistema di rimozione dei peli superflui è stato sviluppato in collaborazione con dermatologi esperti ed è il frutto di oltre 10 anni di approfondite ricerche con oltre 2000 donne. E allora mi sono detta: perché non provare?


Devo dire che una volta lette le istruzioni, giusto per avere un’infarinatura del prodotto, in modo da non farmi male, poi è abbastanza intuitivo. Serve solo un po’ di attenzione. Ma la pelle è davvero molto più liscia di prima e io un po’ meno schiava del rasoio.

Philips Lumea emette dei delicati impulsi luminosi direttamente alla radice del pelo per una diminuzione graduale della ricrescita. La ripetizione del trattamento garantisce una pelle liscia al tatto.

Il tutto in meno di un minuto in alcune zone del corpo. Un bel risparmio di tempo per chi come noi mamme non ne ha mai, no?

Avendolo preso d’estate non ho ancora potuto verificarne al meglio le potenzialità, ma sono certa che, andando incontro all’inverno e alla possibilità quindi di fare dei tentativi, potrei avere delle grandi soddisfazioni.

Vi dirò.

Sere-Mammadalprimosguardo 

2 commenti su “Grazie papà. E grazie Philips.

  1. sere capiti a pennello…ahahah… mi diresti dove l’hai preso? stavo giusto cercando recensioni… ero un pò restia e pensavo di andare in qualche centro ma già che l’hai provato ti chiedo info… ahaha… dolore? rischio di bruciarsi? problemi futuri alla pelle? immagino che tu ti sia già informata… grazie mille

Che ne pensi?