La lista nascita, dei secondogeniti.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Quando aspettavamo Lavinia abbiamo scoperto l’esistenza della Lista Nascita. Come vi avevo raccontato in questo post precedente, nella mia zona non si usava, a Firenze, da Giacomo, molto di più. Così capito il meccanismo e la comodità e dopo aver girato i vari negozi per capire cosa potesse o meno servirci davvero, ci eravamo convinti a farlo.

Cattura

Per chi non avesse letto il post relativo alla lista nascita di Lavinia, la lista nascita altro non è che un contenitore virtuale in cui inserite tutto quello che vi piacerebbe ricevere dagli amici/parenti, come regalo per la nascita del vostro bambino. Una sorta di letterina a Babbo Natale, che vi permette di scegliere e di non ritrovarvi quindi la casa riempita da oggetti kitsch o che non vi serviranno.

Oltre poi ad accontentare i gusti personali dei neo genitori, a mio avviso è anche molto comoda per chi deve fare i regali. In questi anni è capitato anche a me di dover fare un regalo ad amiche che stavano per diventare mamme e la comodità della lista mi ha permesso di poter scegliere velocemente e senza intoppi e senza la follia del “oddiocosa-le-regalo?” (tipica del periodo natalizio o dei compleanni) con corse in ogni dove all’ultimo minuto. Il tutto rendendo felice la mia amica. Cosa a mio parere fondamentale.

Già spesso è impossibile indovinare i gusti di amici, che si conoscono anche bene. Figuriamoci poi fare un regalo ad un bambino che ancora deve nascere, che non si conosce e che non ha ancora modo di esprimere un gusto personale.

Quindi per quanto mi riguarda lunga vita alle liste nascita. E infatti quando qualcuno mi dice che aspetta un bimbo la prima cosa che chiedo è: farai la lista nascita?

Per chi storce il naso una lista di 3 motivazioni atte a convincervi.

1-Quando si fa un regalo, lo si fa nella convinzione (o così dovrebbe essere) di far felici chi lo riceve e non per liberarsi la coscienza. Per tanto regalare qualcosa di “richiesto” è senza dubbio vantaggioso per entrambi (anche perché nelle liste ci sono articoli per tutte le tasche) e più carino, di un regalo fatto per fare, che non servirà mai. Quindi chi si ostina a fare l’alternativo, e a non preferire una lista nascita per qualcosa di “personale” sortirà l’effetto opposto. Grazie certo, ma perché hai dovuto per forza andare contro corrente? Per il gusto di essere diverso?

2- E’ sicuro. Le liste nascite vengono anche fatte nei negozi reali, quindi non è detto che dobbiate rischiare con la rete (rischio che non c’è dato che oramai i siti sono certificati). E quando le liste vengono fatte sul territorio, spesso si da la possibilità ai forestieri di fare un regalo pagando con bonifico. Esempio, qualche mese fa noi abbiamo fatto un regalo ad una coppia di amici fiorentini, il negozio era fuori mano, ho chiamato il negozio, mi hanno detto quali erano i prodotti ancora in lista tra cui scegliere, ho scelto, mi hanno mandato mail con estremi per pagamento, io ho fatto bonifico e il regalo  arrivato a casa dei nostri amici. Molto semplicemente. Quando invece si fa online, è possibile pagare spesso con bonifico se proprio non si vuole usare la carta di credito quindi nessun problema.

2-Fare un regalo dalla lista significa far recapitare a casa o dove è più comodo il regalo ai nuovi genitori, senza dover quindi portare il regalo in ospedale (orroreeeeeeeeeeeee) o aspettare di far loro visita. Molti dei regali richiesti servono subito, fin dai primi giorni a casa, e far passare un mese, tempo che spesso passa dal momento in cui il bambino nasce e farete visita, significa rischiare di far loro un regalo o doppio o inutile. E se state pensando: sì però se mi presento a mani vuote in ospedale, non è bello, vi rispondo che non è vero. Perché la mamma spesso sarà circondata da talmente tante persone che nemmeno se ne renderà conto. Se avete anticipato i tempi con la lista, lei si ricorderà e vi ringrazierà. Se invece preferite aspettare che il bambino sia nato (cosa che io sconsiglio per quanto detto prima), basterà dirglielo e la neo mamma ringrazierà comunque. Anche per averle evitato di riempire la stanza dell’ospedale trasformandola in un parco giochi. (Se proprio volete poi portare qualcosa, al posto dei fiori, che mangiano ossigeno, portate un cacciatorino. Se la mamma si sarà privata per nove mesi di salumi vari, vedrete che vi salterà al collo, dalla felicità. Altro che fiori..:-D)

Infine per favore non ditemi che così si rivela il prezzo del regalo, perchè anche quando andate ad un matrimonio, si fa un regalo richiesto, e il prezzo è noto agli sposi. E poi oramai con internet si conoscono i prezzi di tutto. Quindi non è che se mi regali qualcosa che ho chiesto e di cui quindi vedo il prezzo avrò meno stima di te…

Per quanto riguarda invece i futuri genitori spesso a proposito della lista mi sento dire: io la vorrei fare ma non so poi come fare per non imbarazzare nessuno…Non è necessario inviare a tappeto a tutti la propria lista nascita. Voi la preparate e tenete i dati a portata di mano. Chi  vi vuole fare un regalo, vi chiederà i dati di accesso, chi non vuole farvelo (o vuole fare l’alternativo) non lo farà. Non c’è niente di male nell’esprimere preferenze, datemi retta e vi sarà davvero comodo non dover andare in cerca dei negozi vari in cui sono stati fatti i regali sbagliati per eventuali cambi a 10 gg dalla nascita del pupo. Perché non so voi, ma io 10 giorni dopo la nascita di Lavinia non avevo proprio voglia di diventare matta con i cambi. Per fortuna con la lista che avevamo fatto, tolto qualche alternativo, tutti ci hanno accontentati ed è andato tutto alla grande.

Adesso veniamo al titolo del post…

IMG_3134

Dato che Lavinia è nata a Settembre e che la Ludo probabilmente nascerà nello stesso periodo, dato che sono entrambe femmine e che con il fatto che si passano 4 anni, tante cose le abbiamo già, probabilmente in molti penseranno che abbiamo già tutto.  E in effetti è così: trio, lettino, culla, seggiolone…le cose che riempiono normalmente una lista nascita di un primogenito a noi non servono. Ma a noi servono quelle che con l’esperienza abbiamo capito essere fondamentali (vedi le ricariche per il mangia Pannolini o perché no pannolini stessi, che costanoooooooooooooooo).

Perché se con il primo figlio esageri e butti in lista di tutto e di più, con il rischio anche di scegliere oggetti inutili, ma è del tutto normale, la lista nascita del secondo è molto più “efficace”: va diretta al sodo. Si chiede ciò che si sa servirà davvero. Quindi, anche se non ci manca molto, abbiamo deciso di fare comunque una lista, spinti anche dal fatto che con la nostra #vitadapendolari, spesso le cose servono comunque.

Inizialmente avevamo pensato di farla nello stesso negozio di quattro anni fa, poi invece ci abbiamo ripensato e abbiamo avuto un colpo di genio: nel classico negozio, tante cose che ci servono specifiche non c’erano, c’era tutto quello che ci era servito la prima volta, il grosso, ma stavolta è diverso. E dato che normalmente per i secondogeniti si preferisce regalare le classiche gift card tanto comode (buoni spesa prepagate da usare nel negozio) scegliere quel negozio ci vincolava comunque ad oggetti acquistabili solo lì e spesso non a buon mercato, in un mondo quello virtuale in cui si trovano siti concorrenziali. Così non potendo dire agli amici “ci fate un bonifico?” 😀, ci siamo detti, che si fa? La risposta è stata Amazon.

Amazon è sicuramente il negozio online dove si trova tutto al prezzo se non migliore, ad uno dei più concorrenziali. Amazon offre la possibilità di creare una lista dei desideri in cui tu inserisci quello che vorresti, e poi o te lo compri, o in questo caso, condividendola, te lo regalano. Quindi perché non trasformare la mia lista dei desideri nella lista nascita di Ludovica?

lista

Anche in questo caso abbiamo inserito oggetti più o meno fondamentali ma per tutte le tasche, a partire dalla versione primi mesi del nostro passeggino (che all’epoca di Lavinia non c’era!), lenzuolina per il lettino, la fascia porta bebè per avere le mani libere in casa, il materassino per farci dormire sonni tranquilli…in modo che chi proprio non volesse contribuire con un buono, con cui in effetti potrei comprare qualsiasi cosa, anche un’aspirapolvere…:-D possa comunque farci un regalo utile e mirato. E non doppio.

Come funziona:

si clicca sul seguente link per avere un’idea generale
La lista di Ludovica
o sulle immagini presenti in tutto il post per essere indirizzati al prodotto diretto e si visualizzano i nostri desideri, che vanno appunto da cose più serie, vedi le immagini sopra proposte , ai classici”pensierini”, (guarda immagini che seguono) per non scontentare ed imbarazzare nessuno:

La lista è in continuo aggiornamento anche in base ai regali che mano a mano arrivano. Cliccando su “aggiungi al carrello” si inserisce l’articolo scelto nel proprio carrello, si finalizza l’acquisto scegliendo dove volete che il regalo venga recapitato: se a noi direttamente l’indirizzo è il mio di casa o il negozio di Giacomo, alla Copyland in viale Viale Belfiore, 20R, 50144 Firenze oppure potete farvelo mandare a casa e poi portarlo di persona ; si paga con carta di credito.

Andando a verificare sulla lista io vedrò se un articolo ci è stato regalato e potrò toglierlo per evitare doppioni. Quando si fanno le liste nascita nei negozi specializzati invece, un oggetto, una volta acquistato da qualcuno, viene tolto in automatico, dal sito. Questo per Amazon è un limite, nel senso che non trattandosi di una lista nasscita vera e propria ma di una wish list, non prevede che l’oggetto sparisca a meno di metterci le mani. Attenti quindi se optate per fare la lista su Amazon a questo “dettaglio” se non volete ritrovarvi con 35 mangia pannolini per casa..:-D

Se invece preferite andare a comprare il regalo presente nella wish list in un negozio vostro di fiducia, basterà avvisare i vostri amici che hanno fatto la lista (noi in questo caso) , in modo che si possa togliere dalla lista in tempo da evitare che qualcun altro lo regali. Anche se, detto tra noi, oramai Amazon è il portale più sicuro e conveniente al mondo. E comodo.

Se poi niente di quello che abbiamo inserito noi vi aggrada, o magari qualche oggetto fosse momentaneamente non disponibile, si possono scegliere i buoni Amazon. Che come anticipato sono secondo me la scelta più azzeccata e facile, per non sbagliare, in caso di lista dei secondogeniti. Quello che si visualizza è di un importo di 50 euro, ma solo perché l’unico visualizzabile online. In realtà basta cliccare qui e scegliere la cifra che preferite, dai 20 ai 200 euro.

E voi avete fatto la lista nascita?

Sere-mamma-dal-primo-sguardo, che ringrazia in anticipo tutti quelli che con questo post avranno trovato risposta alla domanda: Sere, cosa vi serve per la Ludo? Ora lo sapete! 😀

4 commenti su “La lista nascita, dei secondogeniti.

  1. Mi piace … moltissimo!
    Ho fatto la mia troppo tardì da prenatal e non ho avuto tutto ciò che volevo!
    Poi mi hai dato un sacco di idee per la mia!
    Tipo lo specchio macchina e il materassino a movimento (ormai non serve più per la mia ma come regalo ci sta)

    1. Grazie! In effetti i regali da fare sono sempre moltissimi solo che spesso sul momento ci si fa prendere dal panico e non si sa cosa regalare! Ad ogni modo, hai sempre la lista del secondogenito pronta no?

  2. Grazie per l’articolo dedicato ma una cosa non mi è chiara, una volta aggiunti gli articoli in lista vanno acquistati tutti? Cioè se aggiungo 10 prodotti e me ne regalano 3 devo provvedere io al resto?

    1. Assolutamente no tu puoi mettere e togliere tutti gli oggetti che vuoi, stai solo segnalando cosa vorresti, una specie di wish list! Quello che non ti regalano rimase lì! Unica cosa quello che ti regalano levalo perché altrimenti arrivano i doppioni!

Che ne pensi?