Formentera, il ritorno.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather


Come sapete il 19 settembre è il compleanno di Lavinia. Vi ho già raccontato qui che lo scorso anno cadendo di mercoledì mi sono “sparata” un viaggio infrasettimanale di 24 ore a Firenze per poter passare la giornata con il babbo…quest’anno cade di giovedì, quindi avremmo avuto lo stesso problema…io su per lavoro, Giacomo giù a Firenze. Prendere, andare giù per festeggiare, tornare su per la festa e poi di nuovo giù…insomma un trambusto…per cui ci siamo detti, perché non partire? Perché non festeggiare il compleanno della bambina solo noi 3, magari in un posto meraviglioso??? Se Lavinia fosse stata un po’ più grande e se le cifre proposte non fossero state così allucinanti, avremmo anche pensato di portarla a Disneyland Paris. Ma facendo due conti e tenendo conto che a due anni non si sarebbe vissuta l’esperienza nella migliore delle possibilità, abbiamo rimandato.

Fortunatamente, la nostra Isla felice è sempre lì che aspetta noi, così abbiamo deciso: andiamo a Formentera.

20130914-110856.jpg

Qualche difficoltà nella prenotazione del volo dato che Lavinia parte come infant e torna come child, prezzi abbastanza alti se teniamo conto della crisi ( che poi nel settore viaggi… dov’è???) e del periodo. Ma ce l’abbiamo fatta.

Le regole internazionali dei vettori aerei prevedono che un bambino da 0 a 23 mesi (fino al giorno prima di compiere i due anni) sia considerato infant. Questo significa che a bordo non avrà un posto ma starà seduto in braccio a uno dei due genitori. Gli infant pagano tariffe uniche che variano dai 20 ai 30 euro a seconda della compagnia (spesso la compagnia low cost ha tariffe più basse per l’adulto rispetto alla tariffa unica infant…rendiamoci conto). Si può decidere di far occupare un sedile all’infant, guadagnando così il posto, ma a quel punto il bambino pagherà come child e sarà necessario portare a bordo un seggiolino apposito.

Dai 2 anni invece i bambini pagano. Sui low cost tanto quanto gli adulti, con altri vettori fino ai 12 anni, tariffe agevolate (minimo sconto 10%-15%). Lavinia come detto parte che ha 23 mesi e 25 gg e torna che ha 24 mesi e un giorno. Il primo pensiero è stato quello di barare, e che cavolo per un giorno (anche perché inizialmente pensavamo di rientrare proprio il 19); poi ha prevalso il buon senso e armati di santa pazienza abbiamo effettuato due prenotazioni differenti. Così partiamo con due bagagli a mano ed un infant e torniamo con tre bagagli a mano e un child. (Bagaglio a mano…ma siamo sicuri di farcela???) Va da sé che quindi possiamo anche darci allo shopping sfrenato!:-D

Per arrivare a Formentera, che è l’isola più piccola delle Baleari, ma in assoluto la più bella, si prendono aerei un po’ da tutta Italia, nel mio caso partiamo da Malpensa, ma ci sono voli da Firenze, Torino, Bologna, Genova, Pisa, Venezia, Roma, Napoli…tra i vettori che occupano la tratta ci sono EasyJet, Vueling, Airone, Meridiana, RyanAir….arrivati all’aeroporto di Ibiza, con un taxi (15 euro) o con un autobus (circa 2 euro) che troverete facilmente appena fuori dall’aeroporto stesso, si raggiunge il porto, dove potrete acquistare i biglietti per imbarcarsi per Formentera. La navigazione dura 30/35 minuti. Tre le compagnie: Balearia o Trasmapi o Pitiusa. Orari delle traversate disponibili online, tenete conto che si alternano, ma ce ne dovrebbe essere sempre uno ogni mezz’ora nel periodo estivo. Prima corsa alle 7/7.30 a seconda dei periodi (spesso c’è anche quella delle 6 ma la traversata dura un’ora e l’imbarcazione è quella specifica per trasporto automobili, quindi minor confort). Ultima corsa alle 20/21, (23 nel fine settimana) anche in questo caso in base al periodo. I prezzi variano, siamo attorno ai 20/25 euro a persona per sola andata.

Attenzione quando prenotate aerei che vi sembra vi facciano spendere meno ma che arrivano ad Ibiza dopo le 19. Perché potreste non trovare la barca per Formentera. Tenete sempre conto che una camera doppia al porto costa sui 100 euro, per cui a volte meglio spendere un po’ più di volo, ma essere sicuri di arrivare a destinazione. Se invece scegliete di arrivare a sera tardi, consiglio di non prendere hotel in centro ad Ibiza. Primo per il casino allucinante che c’è (a meno che vogliate vivere la movida ibizenca) e poi perché fuori dal centro i prezzi si abbassano. Noi a Giugno siamo arrivati alle 23 e abbiamo preso un albergo vicino all’aeroporto giusto per la notte. Prezzi dimezzati. In caso di mancanza di barca e di estrema necessità di raggiungere Forme, esiste poi la possibilità di prenotare un taxi marittimo, ma sarebbe meglio viaggiare in gruppo, dato che il costo per la traversata è sui 300/350 euro, per un massimo di sei persone….

ibiza_night

Una volta arrivati al porto di La Savina, a Formentera, potete decidere se prendere un taxi per raggiungere la vostra meta o se noleggiare direttamente l’automobile. Sul dove dormire io consiglio sempre di prendere un appartamento. Perché a Formentera è bello girare. Spendere cifre astronomiche per restare in un villaggio è assurdo. Non ci sono grandi hotel. Ci sono piccoli hostal che sono alberghetti dignitosi, niente a che fare con gli ostelli della gioventù, che offrono pernottamento e prima colazione. Ma l’appartamento rimane sempre la scelta più economica (se vi servissero contatti non esitate a chiedere). Formentera è rimasta un’ isola selvaggia, il bello è proprio questo. Per cui scordatevi centri commerciali, palazzoni, piscine ecc. Per quello c’è Ibiza. Se prendete casa a Es Pujols, che è la cittadina più famosa in ambito turistico, avrete tutto a portata di mano. E di mare. Poi con un mezzo potrete facilmente raggiungere le spiagge di tutta l’isola. A Formentera si gira in scooter o in quad. Ma con i bambini é necessaria la macchina o la bici (se siete allenati….)

formentera

Tra 4 ore decolla il nostro aereo, devo ancora chiudere i bagagli e realizzare che stasera sarò nuovamente in quell’isola meravigliosa. Paella arrivo. Sangria anche. Speriamo sia una vacanza all’insegna del relax (e me la sto gufando da sola, Lavinia, lo so) e del bel tempo (idem con patate). E che Lavinia capisca quanto è fortunata, perché non è da tutti festeggiare il secondo compleanno in un posto così….la sua mamma ha festeggiato il suo primo compleanno a Formentera solo alla veneranda età di 30 anni, nonostante le infinite vacanze passate sull’isola….per cui non si può proprio lamentare…..Inoltre dato il periodo, Adriana-the-body dovrebbe essere in tv insieme a tutte levelinedelmondo…e Belen sarà a casa a prepararsi per il suo matrimonio che si terrà proprio il 20, quando torniamo, a 5 km da casa mia….che sia quindi la volta buona che io riesca a farmi una vacanza in pace senza il rischio di confronti terrificanti on the beach????

20130914-104959.jpg

Chissà…Ve lo dirò!

Nel frattempo vi saluto e ci risentiamo tra una settimana esatta!
Forse…

Sere-mamma-dal-primo-sguardo

4 commenti su “Formentera, il ritorno.

  1. Cara Sere mamma fantastica, sto cominciando a pensare alle vacanze estive e tutto questo parlare di Formentera mi ha incuriosita. Mi dai qualche recapito/indirizzo, insomma mi dai un paio di indicazioni? Il rospo avrà 16 mesi!
    Grazie in anticipo!

    1. ciao Cara, allora io personalmente dico che Formentera va vissuta. Non consiglio mai di andare in villaggio, primo per le cifre e poi perché il bello è poter girare, senza orari, in libertà. Per cui se guardi anche on line appartamenti in affitto a Es Pujols ne trovi una marea. Ti dico Es Pujols perché è la cittadina più comoda: ha il mare, la farmacia, i ristoranti, tutto a portata di passeggino. Si gira a piedi. Poi quando e se deciderai di andare ti darò le mie dritte sulle spiagge da vedere, che raggiungi comodamente in macchina in 10 minuti massimo (tolte quelle di es Pujols in cui arrivi a piedi!). Rimango in attesa eh? Un bacione

Che ne pensi?