E finalmente arriva Ludovica. E non è sola.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

(Sottotitolo: Il primo sguardo non si scorda mai, nemmeno al secondo giro)

Sabato 5 settembre vado dalla ginecologa per un controllo finale pre parto. La mia amica Fra (la ginecologa) mi visita e mi dice che sono già dilatata 2/3 cm: sono pronta. Alleluia, penso io, non ne posso più.

Sarebbe anche un ottimo momento, Giacomo è con noi, esattamente come quattro anni fa.

La Fra mi dà due o tre trucchetti per scatenare l’inferno ops il travaglio e mi manda a casa dicendo che secondo lei, entro il week end…

Nel pomeriggio le prime avvisaglie. Come con Lavinia però mi partono le contrazioni subito ravvicinate. Ogni 2/3 minuti. Non quelle buone certo, però stancano. Faccio una doccia, due, tre forse quattro e passo il pomeriggio a letto. 

  
Con Giacomo decidiamo di portare Lavinia da mia mamma per essere liberi di muoverci e in caso di correre in ospedale.

Nel salutare Lavinia sono pervasa da un senso di tristezza. Non sono abituata a dormire senza di lei e doverle dire buona notte a telefono ha tutto un altro sapore. Lacrimoso.

Ho contrazioni ogni 5 minuti per poi tornare ogni 3, poi 10. Insomma assolutamente irregolari. Alle 21 la Fra mi invita ad andare in ps per il tracciato. Io onestamente non vorrei andare tanto so di non essere in travaglio e preferirei stare a casa mia come fatto con Lavinia piuttosto che stare in ospedale. Da sola.

Ma se la tua gine ti dice di andare tu vai.

Arriviamo al ps mi visitano e mi dicono che sono sempre dilatata 2/3 ma che le contrazioni che ho anche se ravvicinate non sono quelle buone. Ok, penso, esattamente come quattro anni fa. Adesso torno a casa e vediamo.


Invece no.

Serena diamoci del tu. Dato che con Lavinia hai fatto in fretta devo ricoverati. Potrebbero volerci ore come minuti. Non me la sento per questo di mandarti a casa nemmeno se abiti qui vicino. 

Così sentenzia Ilaria, l’ostetrica in turno. Stavolta è una bella ragazza dai modi gentili a trattenermi in ospedale.

Il gelo.

Io che con Lavinia ero rimasta a casa fino alla fine per evitare la notte in ospedale mi ritrovo obbligata a passare la notte lì senza nemmeno sapere se Ludovica nascerà perché “potrebbe anche essere una falsa partenza, con i secondi capita”.

Mi viene da piangere. E appena rimasta sola piango. Perché io voglio andare a casa mia. Con Giacomo. Soffrire nel mio letto e farmi 5 ore di doccia bollente in caso. Ma a casa mia. Non voglio stare sola lì, illudendomi di partorire e poi magari tornare a casa senza Ludovica.

Invece mezz’ora dopo sono in un letto di ospedale, nella camera 1b del reparto maternità, con una compagna di stanza cesareizzata e tante parolacce pronte da uscire che non trovano sfogo. Anche per rispetto del minore. 

Rimango così, dilatata 2/3 cm, soffrendo in silenzio, fino alle 3. Contrazioni irregolari, vicine poi lontane, leggere poi sempre più forti, ma poco utili a livello di preparazione. Il tutto chattando con le Settembrine 2015, perché come da tradizione anche stavolta siamo in due ad essere in travaglio contemporaneamente. E tutte le altre a dare sostegno.

Poi finalmente l’ostetrica in turno alle 3,30 che mi sembra di riconoscere, mi sembra proprio quella che 4 anni fa non ci aveva pensato un attimo a rispedirmi a casa, la scettica, mi rivisita e mi chiede se preferisco spostarmi in sala parto dove almeno posso far venire Giacomo. Certo che sì, rispondo. Stavolta è dalla mia parte. Glielo leggo negli occhi. E stavolta la trovo anche molto simpatica ed empatica. Avrò sbagliato a giudicare?

Mi fa scendere con tutto il necessaire per partorire e questo mi fa ben sperare sull’esito della faccenda, e tra un dolore e un altro, chiamiamo Giacomo.

Un altro tracciato e un’altra visita. Sono a 4 cm e chiedo di entrare in acqua. Io che ho sempre rifiutato l’idea di andare in vasca sento invece la necessità di un bagno caldo. Sto per entrare quando arriva Giacomo e mi sento già meglio.

Anche se passerà l’ora seguente a chiedermi come va e a consigliarmi la posizione da tenere in vasca (?????) la sua presenza è fondamentale.

Mi sento finalmente tranquilla.

Nel frattempo sento che il mio corpo si sta modificando, che il peso scende e il dolore cambia. Alle 5, dopo un’ora in ammollo mi alzo ed esco. In quel momento sento una nausea fortissima. E mi si rompe il sacco. Giusto il tempo di sdraiarmi e devo spingere. Anche se memore del parto con Lavinia so che la sensazione di dover andare in bagno significa che la bambina sta per nascere, blatero ancora: devo fare la cacca.

Non è la cacca Sere è Ludovica che è pronta a nascere.


Mi dice Ilaria, l’ostetrica.

Un brivido.

Dico di tutto: dal tiratemela fuori, al fa male non riesco, a mi sento morire. E qualche parolaccia qua e là (tanto minori non ce ne sono, ancora).

Ma tre spinte dopo Ludovica è nelle mie braccia. Tutta sporca, con il cordone che ci lega e un brivido unico che mi percorre e che non mi fa smettere di tremare. Ma è lì.

Non mi preoccupo né di contarle le dita, né di vedere il colore dei capelli o se é esattamente come deve essere. Chiedo solo se sta bene, tutto il resto non conta. Niente più conta. Solo noi. Solo lei.

3400 kg di bambina per 51 cm. È più grande di Lavinia e l’ho capito nel momento stesso in cui la partorivo. L’ho sentito.


Ho sentito tutto in un parto che a detta di molti essendo il secondo avrebbe dovuto essere una passeggiata. Non è stato così. Non è sempre così, non credeteci. Oppure capite bene: la fase espulsiva è più veloce ma non meno impegnativa. È stato un parto intenso. Più veloce a livello di ore da quando sono cominciate le prime contrazioni alla nascita di Ludovica (14 ore contro le 21 di Lavinia). Da rottura sacco 25 minuti contro le due ore di Lavinia. Ma è stato più intenso, più doloroso e faticoso.

Forse se non avessimo voluto scatenare l’inferno sarei partita subito con le contrazioni giuste ma non so quando né se Giacomo sarebbe stato a Borgo. Forse ci avrei messo meno, ma sarei stata sola. Invece così lui era nell’unico posto in cui avrebbe dovuto essere: con noi. E per fortuna visto l’epilogo della storia….

Una volta espletate tutte le varie procedure prima di portarci di nuovo in camera ci lasciano due ore in sala parto come da prassi. E non ci sembra vero che lei sia finalmente tra noi. Stavolta sono io a darla in braccio al suo papà, evidentemente commosso.

Ho già visto quegli occhi verdi meravigliosi commuoversi in quel modo in un’altra occasione e quella volta tra le sue braccia c’era Lavinia. E so di essere terribilmente fortunata per avere accanto a me un uomo così. E ancora non immagino quanto. Lo scopro tre minuti dopo quando, tra un singhiozzo e l’altro, Giacomo mi guarda mi dice che mi ama, si inginocchia davanti a me e….


Sere-mamma-dal-primo-sguardo, promessa sposa.

50 commenti su “E finalmente arriva Ludovica. E non è sola.

  1. Devo smetterla di leggere i tuoi post in ufficio. Che poi piango davanti al pc e non so come giustificarmi con i colleghi!
    Ancora auguri splendida mamma e…futura sposa!

    1. Di che una pazza ti fa frignare! Non è mica colpa tua! Grazie Ire❤️❤️❤️

  2. E allora Auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    Leggerti è sempre una cosa piacevole perché (siete bellissimi ma questo si sa)trasmetti sempre positiva ed energia!!!!
    Avete due figlie splendide ma anche lì il DNA è di famiglia per cui ufficializzate il tutto con le vostre meravigliose figlie al seguito perché ve lo meritate proprio!!!!
    Un super bacioooooo sposa magnifica!!!❤️
    P.s.mi hai fatto commuovere sappilo!!!!!!

  3. … Allora che dire… intanto tantissimi auguri futura sposa..!! E poi continuo dicendoti che mi ci ritrovo sempre molto nelle tue parole.. Ieri alle 20.25 finalmente ALEX è venuto a l mondo..!! ( parto indotto,ossitocina,contrazioni forti ma non adatte,quasi pronti x il cesareo… Quando… :Mi scappa la cacca… Mi scappa.. Allora spingi… E con 2 spinte eccolo..!!!)un’emozione infinita.. Che non dimenticheremo mai..!! Un bacio serena e ancora auguriii..!!!

  4. e la Serena si sposa … e la Serena si sposa…. e via di brillocco e preparativi! congratulazioni

  5. e l’unico neurone rimasto se la frigna….che bello sere, anche per me secondo giro + veloce ma molto + intenso….sei speciale flipper lo sa <3

  6. e.. il tuo e sospeso fa intendere mooooolte cose!!! che bello… anche se sono passati 3 anni, anch’io ho vivi i ricordi di quei momenti.. momenti indimenticabili!!!! auguroni sposina e sappi che ti leggo sempre molto volentieri!!! un abbraccio fortissimo e un bacione alle pupe <3

  7. leggere il tuo blog è sempre emozionante..ma mai come questa volta…. auguri di cuore mammaalprimosguardofuturasposa!!!! un abbbraccio grande

  8. Che bello congratulazioni! Ma è roba da film questa!!!! ps hai ragione, non è vero che il secondo è più facile…magari dura un pelo meno ma fa più male o_O

  9. Mi hai fatto piangere ci credi!? Sei fantastica, siete fantastici!!!! Congratulazioni per tutto neo-mamma x la seconda volta e futura sposina!!!

  10. Ciao! uuuh mi son commossa! Auguri auguri auguri!!! Che mito che è Giacomo: già una è stravolta per il parto e lui ti chiede di sposarlo… Ma è’ roba da coccolone secco!
    Scherzi a parte, davvero tanti auguri e che la vita vi possa sorridere, sempre.

  11. Serena augurissimiiiiiiiii. Ti leggo sempre e spesso mi fai commuovere ma mai come stamattina! Un bacio a Ludovica e a Lavinia

  12. Adoro leggere i tuoi post.
    Non sono una mamma ne tantomeno fidanzata, sono solo una studentessa in crisi per gli esami all’università. Ho 22 anni e una passione smisurata per i bambini, studio per diventare maestra infatti.
    Leggere i tuoi post e vedere le tue foto è qualcosa di fantastico. Complimenti per tutto ma soprattutto per la splendida famiglia che hai. Congratulazioni per il nuovo arrivo ❤

    1. Roberta grazie! È bello sapere che ci sono ragazze giovani come te che pensano già a qualcosa di solido. Anche solo
      Leggendo una “vecchia” come me! In bocca al lupo per tutto. Un bacio ❤️

      1. Non so se è fortuna carattere begli esempi in famiglia o altro il fatto di pensare a qualcosa di solido, quello che so è che sicuramente leggere di persone, e famiglie come la tua aiuta.

  13. Oddioooooo sto con le lacrime x tutto è poi…l’anello!!stronzetta,sono felicissima x te,x voi….che emozioneeeee!!!

  14. Che emozione sembra quasi di vivere realmente tutto con il tuo racconto…tantissimi auguri mamma bis e futura sposa

  15. E niente ho letto questo post già tre volte, perché mi emoziono e perché è così bello vedere una famiglia che si ama tanto! Auguri auguri a tutti!

    1. Lucia sei molto gentile! Grazie! Ma non siamo la famiglia del mulino bianco eh?(per fortuna!:-D) bacione

  16. bellissimo!!! condiviamo insieme il momento “cacca”… anche io ho detto una frase simile poco prima di far uscire la mia bimba!!! 😀

  17. Oh Sere scena da film…che meraviglia❤!!!!Bravo babbodalprimosguardoe quindi auguroni bella famiglia!

  18. Oddio anche io devo lasciare queste letture per quando sono sola, ho gli occhi luccicanti e sono al lavoro, con il capoufficio che non gli ridà la cassa…. Sempre molto emozionante! Tanti Auguri per il matrimonio!

Che ne pensi?